Mana Chuma Teatro
Teatro Mana Chuma

Compagnia calabrese di teatro contemporaneo, diretta da Massimo Barilla e Salvatore Arena, impegnata nell’ambito della nuova drammaturgia e del teatro civile, vincitrice del Premio della Critica 2019 ANCT. Riconosciuta e finanziata dalla Regione Calabria ai sensi della legge 19/2017 come impresa di produzione teatrale.

Mana Chuma sceglie fin dal principio di confrontarsi soprattutto con l’identità culturale e storica del territorio meridionale, provando a far convergere il recupero di storie, figure, moduli e stili attinti dalla tradizione culturale locale e mediterranea, con l’utilizzo di forme artistiche innovative, sviluppando un proprio approccio alla drammaturgia legato alla contaminazione tra linguaggi differenti, e curando in particolar modo la ricerca sullo spazio e la sperimentazione di luoghi “altri” per il teatro.

Mana Chuma pensa i propri spettacoli come piccoli progetti di ricerca in collaborazione con teatri, festival ma anche organizzazioni della società civile, scuole, dipartimenti universitari, archivi, camere penali e organizzazioni di magistrati.

Inoltre Mana Chuma ha ampliato negli anni i propri percorsi di ricerca, provando a capitalizzare le esperienze acquisite lungo il percorso e offrendo maggiore spazio alle competenze multidisciplinari del proprio nucleo artistico (musica, video, poesia, drammaturgia, cinema, danza, tecnologie interattive).

Anche attraverso le proprie reti territoriali nazionali e internazionali, Mana Chuma costruisce il proprio percorso artistico in stretta connessione con politiche culturali educative e sociali, di economia civile culturale inclusiva, (multiculturale, maschile/femminile, etc.), che abbia come riferimento principale da un lato la promozione di pratiche di cittadinanza attiva, di lotta alle mafie, di costruzione partecipata di modelli culturali ed economici alternativi a quelli devianti, dall’altro la promozione di processi creativi aperti al confronto tra i linguaggi e le culture, che guardano a una dimensione internazionale.

Con “Come in granello di sabbia” ha vinto il Premio Selezione In-box 2016 ed è stata ospitata. nella programmazione degli Istituti Italiani di Cultura di Parigi e La Valletta, di Teatri Pubblici quali il Teatro Biondo di Palermo e il Teatro Vittorio Emanuele di Messina oltre che di importanti festival e Circuiti Regionali.

Ha rappresentato il teatro il Teatro di Narrazione italiano alla Festa del Libro e delle Culture Italiane a Parigi. Suoi lavori originali, tradotti in francese e in inglese, sono stati presentati in varie forme a Parigi, Bruxelles, Colonia, Malta. Altri sono stati finalisti al Premio Scenario, al Premio Ustica per il Teatro e al Premio Riccione per il Teatro, al Premio Dante Cappelletti.

Ha collaborato con artisti quali Maria Maglietta, Luciano Nattino, Lucia Sardo, Marcello Chiarenza e coprodotto con importanti realtà del panorama nazionale quali Teatro delle Briciole di Parma, Casa degli Alfieri di Asti, AstiTeatro Festival, Horcynus Festival.

E’ tra i soci della Fondazione Horcynus Orca all’interno della quale si occupa della produzione teatrale. Nel 2005 ha ottenuto il Patrocinio morale dell’Ente Teatrale Italiano.

• Teatro delle Rane
• Astragali Teatro
• Associazione Soledad
• Circolo del Cinema Charlie Chaplin
• Fondazione Giuseppe Gulotta

Reti
•Fondazione Horcynus Orca (socio)
•Latitudini Rete di nuova drammaturgia siciliana (socio)

 Enti 
• Regione Calabria
• Regione Sicilia
• Ente Parco Nazionale d’Aspromonte
• Comune di Bova
• Comune di Reggio Calabria
• Area Metropolitana di Reggio Calabria
• Università degli Studi di Messina
• Università degli Studi di Reggio Calabria
• GAL Area Grecanica

Internazionale 
• Maison Antoine Vitez
• Arts Council Malta
• Teatru Malta
• University of Malta
• Istituto italiano di cultura La Valletta
• Istituto italiano di cultura Parigi

Premio della Critica  2019 ANCT (Associazione Nazionale dei Critici Teatrali)
• Premio Dante Cappelletti 2019 – finalista con F-Aìda (studio)
• Premio Selezione In-box Blu 2016 con Come un granello di sabbia
• Premio Ustica per il Teatro 2009 – finalista con La Cisterna  
• Patrocinio dell’Ente Teatrale Italiana sull’intera attività (2005)
• Premio Riccione per il Teatro 2005 – finalista Salvatore Arena con Longa è a jurnata
• Premio Ustica per il Teatro 2003 – finalista con Spine

Massimo Barilla

Massimo Barilla

Drammaturgo, poeta, sceneggiatore e regista. Dirige Mana Chuma Teatro (Premio della Critica ANCT 2019) per cui ha scritto con Salvatore Arena: Spine (2003, finalista premio Ustica per il teatro), Di terra e di sangue (2005, Spettacolo ufficiale del Centenario CGIL), ’70voltesud (2007, utilizzato per una puntata monografica sulla Rivolta di Reggio Calabria del 1970 da Rai Storia), Come un granello di sabbia /Giuseppe Gulotta, storia di un innocente (Premio selezione In-box blu 2016), F-Aìda (2019). Citato dalla rivista francese Frictions tra i 10 più importanti autori italiani di impegno civile, con tanto di nota biografica.

Per il cinema ha scritto e diretto il film 26 settembre 1970 / il cielo limpido tratto dallo spettacolo teatrale ’70voltesud. Ha scritto soggetto e sceneggiatura del lungometraggio Primula Rossa, (uscito in sala a maggio 2019). è stato inoltre voce narrante per i due pluripremiati documentaristi calabresi Felice D’Agostino e Arturo Lavorato de Il canto dei nuovi emigranti, miglior documentario Torino Film Festival ’05 e Bellaria Film Festival ’06.

E autore di numerosi racconti e poesie inedite in italiano e in dialetto reggino. La prima raccolta dal titolo Ossa di crita esce presso la Casa Editrice Mesogea – Culture Mediterranee a marzo 2020. Ha tradotto dal maltese con l’autrice e con Virginia Monteforte il volume di poesie di Elizabeth Grech, Terre sospese (Capire edizioni – 2019). Come poeta e scrittore ha rappresentato l’Italia al Malta Mediterranean Literature Festival 2018. Ha diretto inoltre il Teatro Siracusa di Reggio Calabria ed è responsabile dell’area culturale della Fondazione Horcynus Orca.

Foto: Virginia Monteforte

Salvatore Arena

Nasce in Calabria nel 1965. Studia tra Barcellona e Messina, vive a Reggio Emilia. Siciliano di origine, emiliano d’adozione.
Attore regista e drammaturgo ha collaborato con artisti importanti quali Marco Baliani (Giufà, San Francesco di Saramago, Bertoldo, Terra Promessa, Decamerone), Letizia Quintavalla (Fango, Il Pinguino senza frac), Scimone e Sframeli (La busta, Pali, Giù). Dal 2002 codirige Mana Chuma Teatro, sviluppando con Massimo Barilla, un percorso di ricerca tra forme altre di narrazione e nuova drammaturgia (Trilogia “A sud della memoria”: Il mondo offeso, Di terra e di sangue, ‘70voltesud, L’ultimo Inganno; Terribìlio di mare; Historia du surdatu; Spine; Lunga notte di Medea; Come un granello di sabbia).

Scrive con M. Barilla e dirige Spine spettacolo finalista Premio Ustica 2003
Scrive il testo Longa è a jurnata con il quale è finalista al Premio Riccione nel 2005
Come attore vince con lo spettacolo Per la strada il Premio Eolo nel 2006 migliore spettacolo italiano per l’infanzia.
Come attore vince nel 2009 il Premio Ubu con lo spettacolo Pali come migliore novità teatrale italiana.
Scrive e dirige lo spettacolo La cisterna con Massimo Zaccaria, spettacolo finalista al Premio Ustica 2009.

Foto: Marco Costantino

Luigi Polimeni

Luigi Polimeni

Pianista, arrangiatore e compositore.
Ha effettuato gli studi classici di pianoforte presso il Conservatorio di Vibo Valentia specializzandosi in composizione e arrangiamento presso il CPM (Centro Professione Musica) di Milano e perfezionando la formazione attraverso percorsi formativi con Dino D’ Autorio, Marty Robertson e il M° Gianpiero Reverberi.
Nei primi anni 90’ tra i fondatori (Tastierista e Autore) del gruppo Rock Progressive «LuToDo» e Vincitore per la direzione d’orchestra del Concorso Internazionale di Composizione «Orchestra Giovanile di Spoleto».

Svolge la sua attività di compositore principalmente quale autore di musiche originali per il teatro collaborando con registi e attori tra i quali: Marco Baliani, Salvatore Arena, Maria Maglietta, Nicolaj Karpov e Massimo Barilla.
Per il cinema oltre ad una collaborazione strutturata con diverse case di produzione internazionali per la realizzazione di colonne sonore per documentari, scrive tra l’altro le musiche originali dei lungometraggi Primula Rossa di Franco Jannuzzi e Ferdinando il duro di Bloom Kolektiv e Alberto Valtellina.
Finalista nel 2015 del Concorso Internazionale di Composizione per Orchestra del Metropolitan di New York.
Cura il disegno audio con applicazione della tecnica “Binaurale” e le musiche originali delle produzioni artistico-tecnologiche realizzate presso la sala immersiva interattiva della Fondazione Horcynus Orca.

Aldo Zucco

Scenografo. Docente di Scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Catania dal 1993 (dopo aver insegnato nelle Accademie di Reggio Calabria e di Roma. Tra i fondatori del Teatro di figura Le Rane di Reggio Calabria. Collabora stabilmente con Mana Chuma Teatro (Premio della Critica ANCT 2019).
Basa la sua ricerca artistica sullo spazio scenico, inventando e rivisitando drammaturgicamente paesaggi senza tempo e “oggetti ritrovati”.

Tra i lavori più significativi: “Come un granello di sabbia”, Mana Chuma Teatro, Premio selezione IN-BOX BLU; “Pagliacci” di Leoncavallo, regia di Roberta Cortese, Teatro Rendano di Cosenza; “La bella dormente nel bosco” di Ottorino Respighi, regia di Lisa Ferlazzo Natoli, Teatro Rendano di Cosenza; “Elyssa/Didone. La regina errante”, regia di Renato Nicolini e Marilù Prati, Biennale di Venezia; “L’ultimo inganno” testo e regia di Massimo Barilla e Salvatore Arena, Mana Chuma Teatro; “Patria e Mito”, scritto da Renato Nicolini, regia di Ugo Gregoretti, Compagnia Mediterranea Teatro/Le Nozze, Festival dei 2 Mondi di Spoleto; Compagnia Berardi Casolari “Land Rover viaggio per Amore”, Napoli Teatro Festival.
Con Il Teatro delle Rane ha firmato le scenografie di: “Perseo”, “L’Acchiappa Pensieri” e “Piccolo Blu e Piccolo Giallo” di Leo Lionni (primo premio Festival Nuovemani di Amalfi 2000) “Feeria”, “Pierino e il lupo”, “Federico”, “Guizzino”, “Caleidoscopio”, “Verso Betlemme”, “Il figlio della pioggia d’oro”, ”L’isola di Calibano”.
Per la televisione ha lavorato in “Bravo Grazie” edizione Rai 2 e edizione SKY VIVO. Per il cinema in “Figlio di una rivoluzione minore”, di Salvatore Romano e “Primula Rossa” di Franco Jannuzzi.

Aldo Zucco
Elizabeth Grech

Elizabeth Grech

Traduttrice autodidatta, lavora con vari sociologi, ONG e organizzazioni culturali e artistiche, oltre che come consulente presso il CIHEAM in qualità di responsabile della versione inglese di pubblicazioni e documentazione ufficiale.
Da ottobre 2018 si occupa di traduzione, comunicazione, networking e relazioni internazionali con Mana Chuma Teatro.
È anche una traduttrice letteraria e traduce in francese diversi poeti / scrittori maltesi contemporanei. Alcune delle sue traduzioni sono state oggetto di pubblicazione mentre alcune poesie sono state pubblicate su riviste letterarie in inglese, francese, spagnolo, albanese, esperanto, greco.
Da alcuni anni scrive poesie in maltese, alcune delle quali sono state pubblicate in antologie e riviste di poesia in varie lingue (inglese, italiano, francese, albanese, greco). 
La sua prima raccolta di poesie “bejn baħar u baħar” è stata pubblicata da Merlin Publishers (Malta) nel febbraio 2019. 
La traduzione italiana di Massimo Barilla e Virginia Monteforte, “Terre sospese” è stata pubblicata in italiano da Capire edizioni (Forlì) in agosto 2019.

http://unemeretlautre.com

Foto: Virginia Monteforte

Rosario Di Benedetto

Rosario Di Benedetto

Nato a Paternò in provincia di Catania nel 1990.

Inizia la sua formazione artistica presso l’Istituto Statale Arte di Catania in fotografia e grafica per pubblicità, successivamente si iscrive presso l’Accademia di Belle Arti di Catania in scenografia per il cinema, dove sarà allievo di Aldo Giuseppe Zucco.

Da lì le numerose collaborazioni artistiche rivolte sempre più alla videoarte in tutte le sue forme, collaborazioni che lo faranno approdare tra i festival più prestigiosi come La Biennale di Venezia Musica e Arte, il Premio Celeste, Farm Film Festival, Horcynus Festival, Corti in Cortile…

Nel 2017 co-fonda il Centro Studi Arti Visive, studio di ricerca visiva rivolta al marketing.

Alessio Laganà

Calabrese atipico con una forte passione per l’arte e la musica, con una esperienza decennale come Promoter culturale. L’organizzazione di eventi culturali e anni di strada come tour-manager al fianco di artisti internazionali hanno forgiato la sua tempra di operatore musicale attento alle nuove tendenze. Da anni porta avanti un progetto di Selection musicale, una sorta di “club dell’ascolto” in club e festival, basato su  black & world music , per promuovere un ascolto consapevole della buona musica. 

Formatosi in Management dello Spettacolo presso l’Accademia “Teatro alla Scala” di Milano, ha maturato una visione globale delle performing arts, coniugando competenze culturali con capacità di tipo economico e manageriale.

Personalità versatile, ha sviluppato il proprio percorso professionale: come BOOKING AGENT (collabora da una decade con Caleidoscopio booking per la quale ha svolto per anni il ruolo di Tour Manager), come ORGANIZZATORE di Festival (Direzione artistica e altri ruoli nella struttura organizzativa) e come SELECTOR MUSICALE (in Festival e Club).

Collabora dal 2011 con il Conservatorio di musica F. Cilea” di Reggio Calabria.

Mariano Nieddu

Nato a Nuoro. Sardo, Italiano e cittadino del mondo.
Diplomato con borsa di studio alla Scuola di teatro di Bologna diretta da Alessandra Galante Garrone nel 1994. Perfezionamento presso la Scuola Europea per L’arte dell’Attore di San Miniato (PI)
Formatosi con Alessandra Galante Garrone, Renata Palminiello, Vittorio Franceschi, Claudia Busi, Herns Duplan, Francesco Macedonio, Walter Pagliaro, Marco Cavicchioli, Nanni Garella, José Sanchis Sinisterra, Antonio Piovanelli.
Ha collaborato in teatro con Thierry Salmon, Marco Baliani, Roberto Castello, Renata Palminiello, Maurizio Bercini, Alfonso Santagata, Luca Vitone, Roberto Rustioni, Milena Costanzo, Maria Maglietta, Walter Pagliaro, Nanni Garella, Ivano Marescotti, Luciano Nattino.
Collabora da anni con Mana Chuma Teatro.
Ha lavorato nel cinema e alla televisive con Peter Greenaway, Piero Sanna, Claudio Di Biagio, Alessandro Pondi, Domenico Ciolfi, Franco Jannuzzi.
Ha collaborato con Rai Radio Tre ed Emons audiolibri.
Ha doppiato videogiochi.

Foto: G.M. Mesina